Categories

Coming soon…

    No scheduled posts

    Archive

    Tag Cloud

    Meta

    Immagini, testi e contenuti audio/video su MusicalWords.it

    Il sito web www.musicalwords.it ("Sito"), e tutti i contenuti (testi, audio, video, immagini, prodotti e servizi, collettivamente nelle pagine relative) accessibili su od attraverso di esso, sono messi a disposizione degli utenti senza in alcun modo avallare gli usi che gli utenti stessi ne possano fare. I diritti riguardanti l'uso delle immagini di opere d'arte esposte in ogni pagina del Sito appartengono ai rispettivi proprietari. Chi scarica, usa o trasmette Contenuti reperiti su o attraverso il Sito non può ritenere in nessun modo assolte le competenze spettanti ai detentori dei rispettivi diritti di tali Contenuti. Il Sito web www.musicalwords.it può contenere o linkare a Contenuti creati o caricati da terze parti. I Contenuti di terze parti non rappresentano necessariamente le opinioni del responsabile del Sito nè della redazione generale direttiva né delle altre redazioni nè dei suoi collaboratori. Il responsabile del Sito non controlla, monitora, avalla o garantisce in alcun modo i Contenuti di terze parti. In nessun caso responsabile del Sito potrà essere ritenuto responsabile, direttamente o indirettamente, per danni o perdite causate o che si pensa possano essere state causate dall’uso o dal riferimento a Contenuti reperiti su o attraverso il nostro Sito. Il responsabile del Sito non si ritiene responsabile per attività dolose risultate dallo scaricamento o dall’utilizzo di Contenuti presenti sul proprio Sito web o accessibili attraverso di esso. I Contenuti presenti sul Sito www.musicalwords.it possono essere cambiati o rimossi senza notizia preventiva.


    « | Main | »

    Te lucis ante terminum…

    By Redazione Musica | luglio 26, 2008

    REGGIO EMILIA, 11 GIUGNO 2008 – TE LUCIS ANTE TERMINUM

    All’interno della rassegna SOLI DEO GLORIA. Organi, Suoni e Voci della Città‘, ha avuto luogo il concerto Te lucis ante terminum. Musiche per l’Ufficio di Compieta a Reggio Emilia fra Cinque e Seicento, frutto della collaborazione tra la Cappella Musicale S. Francesco da Paola di Reggio Emilia, diretta da Silvia Perucchetti, e l’Ensemble Palma Choralis di Cremona, guidato da Marcello Mazzetti e Livio Ticli. Questa ricostruzione liturgico-musicale, basata sullo studio di fonti teoriche, cronachistiche e iconografiche dell’epoca, ha voluto dar voce alle composizioni di autori nativi o operanti in istituzioni ecclesiastiche del capoluogo emiliano.
    Alle tecniche compositive e improvvisative più semplici (canto fratto impiegato nell’innodia, falsobordone nel ps. 4 Cum invocarem e nel cantico) sono stati affiancati brani in«polifonia d’arte» che spaziano dalla scrittura omoritmica (lectio brevis, responsorio e antifona Salva nos) a quella a doppio coro prevista per l’articolato ps. 90 Qui habitat e per l’antifona mariana conclusiva Ave regina coelorum. Fattore eccezionale, che ha conferito alla Compieta una ancor maggiore solennità, è stata la presenza dei Sacri Concerti (mottetti a una e due voci su b.c.) eseguiti al termine di ciascun salmo.
    La riuscita dell’evento, testimoniata dall’interesse e dall’attenzione del pubblico rimasti costanti fino all’ultima nota, è stata favorita dall’inusuale ricostruzione dell’intero apparato liturgico-rituale della Compieta che, da un lato ha evitato la oramai «classica» antologizzazione dei brani polifonici presentati in concerto, dall’altro ha rivivificato lo spazio sacro attraverso processioni cantate, l’uso di paramenti e suppellettili propri della liturgia e l’esecuzione del canto gregoriano (versicoli, orazioni, preghiere) come elemento coesivo e fondante dell’intero Ufficio.
    Questa cura per il particolare ha fatto in modo che la ricostruzione non solo si muovesse nel lecito dello «storicamente informato», ma ha permesso al pubblico di immergersi in una suggestiva atmosfera creata dalla «spettacolarità» del rito, cui oggi siamo disabituati, ove i diversi sensi (udito-musica, vista-paramenti, olfatto-incensi) fossero pienamente coinvolti.
    La chiesa di S. Stefano, col suo bel chiostro quattrocentesco e il suo impianto medievale, ha fatto da cornice alla piacevole serata. Il concerto, in questo senso, ha altresì valorizzato i corredi sacri della canonica attraverso l’esposizione del crocifisso seicentesco e ha messo in rilievo la magnificenza dell’architettura mediante un gioco di luci che ha impreziosito gli altari laterali anch’essi addobbati con argenti e candelabri per l’occasione.
    Il frutto del connubio fra ricerca musicale e rituale ha permesso non solo agli “addetti ai lavori” di apprezzare l’operazione per la sua originalità, ma ha sicuramente suscitato l’innamoramento anche in coloro che da neofiti si sono per la prima volta avvicinati a questo repertorio.

    M@lpagini

    Topics: Concerts, MUSIC, Review | 1 Comment »

    One Response to “Te lucis ante terminum…”

    1. Giancarlo P. Says:
      luglio 31st, 2008 at 10:41

      Salve a tutt e complimenti per il sito: vi seguo sempre anche se e´la prma voltache lascio un commento.
      iosonod reggio emilia ed ero al concerto che e´recensito qui sopra..in effetti e´stato molto piacevole anche se essendo abituato a concerti di altissimo livello non ho potuto non rilevare che questo non lo era in effetti…tuttavia e´stato buono ed anche particolare. Ammetto che il repertrio proposto non e´di cert il mio preferito anche se quella sera non mi e´dispiacuto!
      Giancarlo

    Comments