Categories

Coming soon…

    No scheduled posts

    Archive

    Tag Cloud

    Meta

    Immagini, testi e contenuti audio/video su MusicalWords.it

    Il sito web www.musicalwords.it ("Sito"), e tutti i contenuti (testi, audio, video, immagini, prodotti e servizi, collettivamente nelle pagine relative) accessibili su od attraverso di esso, sono messi a disposizione degli utenti senza in alcun modo avallare gli usi che gli utenti stessi ne possano fare. I diritti riguardanti l'uso delle immagini di opere d'arte esposte in ogni pagina del Sito appartengono ai rispettivi proprietari. Chi scarica, usa o trasmette Contenuti reperiti su o attraverso il Sito non può ritenere in nessun modo assolte le competenze spettanti ai detentori dei rispettivi diritti di tali Contenuti. Il Sito web www.musicalwords.it può contenere o linkare a Contenuti creati o caricati da terze parti. I Contenuti di terze parti non rappresentano necessariamente le opinioni del responsabile del Sito nè della redazione generale direttiva né delle altre redazioni nè dei suoi collaboratori. Il responsabile del Sito non controlla, monitora, avalla o garantisce in alcun modo i Contenuti di terze parti. In nessun caso responsabile del Sito potrà essere ritenuto responsabile, direttamente o indirettamente, per danni o perdite causate o che si pensa possano essere state causate dall’uso o dal riferimento a Contenuti reperiti su o attraverso il nostro Sito. Il responsabile del Sito non si ritiene responsabile per attività dolose risultate dallo scaricamento o dall’utilizzo di Contenuti presenti sul proprio Sito web o accessibili attraverso di esso. I Contenuti presenti sul Sito www.musicalwords.it possono essere cambiati o rimossi senza notizia preventiva.


    « | Main | »

    Monete Sonanti…

    By Andrea Barizza | novembre 14, 2008

    Pubblchiamo quanto appena giunto in Redazione.
    Ringraziamo la Dott. Paola Giovetti e il Comune di Bologna per la segnalazione.
    ***

    Mostra Monete Sonanti
    La cultura musicale nelle monete e nelle medaglie del Museo Civico Archeologico di Bologna
    21 novembre 2008 – 18 gennaio 2009, Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna

    Scarica qui l’Invio alla Mostra

    Che un coro faccia concerti è un evento scontato; che un coro organizzi una mostra, per far conoscere quanto stretto sia il legame tra musica e numismatica nel corso dei secoli, lo è un po’ meno.
    Con la mostra MONETE SONANTI, il Museo Civico Archeologico e il Coro Athena, in collaborazione con il Museo della Musica di Bologna, hanno voluto mostrare quanto, fin dalla nascita della moneta in Asia minore nel VII secolo a.C. ai nostri giorni, incisori, orafi e medaglisti abbiano attinto, per diversi motivi, dal mondo della musica e con esso si siano confrontati.

    Per onorare divinità, per eternare cantanti e compositori, per esaltare virtù di colti governanti, per celebrare musica e lettere, le monete e poi le medaglie divengono uno strumento non solo valido, ma tutt’altro che secondario rispetto a statuaria e pittura.

    Sono oltre 200 le monete e le medaglie esposte in mostra, tutte provenienti dal Medagliere del Museo Civico Archeologico che con i suoi circa 100.000 esemplari vanta una delle collezioni numismatiche più significative d’Italia.
    Attraverso le sale del Museo della Musica, si snoda un itinerario che dal IV secolo a.C. guida il visitatore attraverso mitologia, storia, società e musica, in un’esposizione che si arricchisce e si completa di tutti quegli oggetti, strumenti, partiture, spartiti, accessori già esposti nel museo.
    Nove sale per nove temi espositivi che spaziano dalla raffigurazione del mito classico e dello strumento musicale sulle monete antiche fino a medaglie che narrano di talentuosi musicisti, cantanti di grido, partiture musicali e soprattutto di personaggi indelebili come Padre Martini, Farinelli, Mozart, Rossini.

    Apollo, Ercole e le Muse, Cibele, Saffo, l’imperatore Nerone, ma anche strumenti come il sistro, la lira, la cetra, il timpano, il flauto di Pan, l’arpa e l’hydraulis (una sorta di organo ad acqua), compongono l’immaginario musicale del mondo antico. Tali immagini sono veicolate con una potenza di diffusione amplissima dalla moneta greca e soprattutto romana: di mano in mano assieme al denaro passa anche la conoscenza.

    Dopo un silenzio iconografico che interessa la monetazione in epoca medievale, la musica torna protagonista assieme a quel grande fenomeno innovativo che è la nascita della medaglia, attribuita a Pisanello. La medaglia è, infatti, qualcosa di profondamente e concettualmente diverso da una moneta: questa ha essenzialmente funzione economica, quella ha invece funzione prevalentemente artistica e celebrativa. Proprio nel nuovo oggetto la celebrazione della musica in tutte le sue forme trova ampio spazio e consenso.
    Accanto alle medaglie che celebrano i grandi della musica dal 500 all’800, trovano spazio temi di grande respiro come un’attenta analisi dell’idea stessa di musica dalle società antiche a quelle moderne ma anche proposte curiose come alcune medaglie che riproducono partiture musicali, in caratteri minutissimi (tra cui la Marsigliese e l’inizio dello Stabat Mater di Pergolesi).

    Lungo il percorso della mostra la moneta diviene davvero sonante: simbolo di concretezza per antonomasia, quel tondello di metallo nato circa 27 secoli fa in Asia Minore si spoglia progressivamente e diviene strumento insolito e profondo per narrare una senz’altro non completa ma particolarissima storia della musica.


    Per informazioni:

    Museo Civico Archeologico di Bologna

    051 2757232 – 234
    coroathena@comune.bologna.it

    Topics: ART, Appointments, Concerts, Curiosities from the World, MUSIC, News e Curiosità | 1 Comment »

    One Response to “Monete Sonanti…”

    1. » Monete Sonanti Societ Says:
      novembre 15th, 2008 at 11:07

      [...] Mostra Monete Sonanti La cultura musicale nelle monete e nelle medaglie del Museo Civico Archeologico di Bologna 21 novembre 2008 – 18 gennaio 2009, Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna [...]

    Comments