Categories

Coming soon…

    No scheduled posts

    Archive

    Tag Cloud

    Meta

    Immagini, testi e contenuti audio/video su MusicalWords.it

    Il sito web www.musicalwords.it ("Sito"), e tutti i contenuti (testi, audio, video, immagini, prodotti e servizi, collettivamente nelle pagine relative) accessibili su od attraverso di esso, sono messi a disposizione degli utenti senza in alcun modo avallare gli usi che gli utenti stessi ne possano fare. I diritti riguardanti l'uso delle immagini di opere d'arte esposte in ogni pagina del Sito appartengono ai rispettivi proprietari. Chi scarica, usa o trasmette Contenuti reperiti su o attraverso il Sito non può ritenere in nessun modo assolte le competenze spettanti ai detentori dei rispettivi diritti di tali Contenuti. Il Sito web www.musicalwords.it può contenere o linkare a Contenuti creati o caricati da terze parti. I Contenuti di terze parti non rappresentano necessariamente le opinioni del responsabile del Sito nè della redazione generale direttiva né delle altre redazioni nè dei suoi collaboratori. Il responsabile del Sito non controlla, monitora, avalla o garantisce in alcun modo i Contenuti di terze parti. In nessun caso responsabile del Sito potrà essere ritenuto responsabile, direttamente o indirettamente, per danni o perdite causate o che si pensa possano essere state causate dall’uso o dal riferimento a Contenuti reperiti su o attraverso il nostro Sito. Il responsabile del Sito non si ritiene responsabile per attività dolose risultate dallo scaricamento o dall’utilizzo di Contenuti presenti sul proprio Sito web o accessibili attraverso di esso. I Contenuti presenti sul Sito www.musicalwords.it possono essere cambiati o rimossi senza notizia preventiva.


    « | Main | »

    Burla Ciao…

    By Redazione Arte | maggio 17, 2009

    Simona Laing

    Burla, ciao
    Una storia no-global

    Una storia no-global, un racconto che ti trascina dentro gli animi turbolenti di giovani vite pronte a condividere la voglia di incidere sulla realtà. Una fotografia a colori di un piccolo mondo dove la passione civile si lega alla continua ricerca di una via verso il cambiamento. La figura dolce e decisa del giovane universitario Giulio Carli, per gli amici “il Burla”, ti conduce verso una posizione nuova di lettura dell’animo di migliaia di giovani: “Il mio tempo è questo, il dopo mi apparterà solo se sarò adesso coerente a me stesso”.
    Distante dalla cronaca dei fatti accaduti, il racconto ci porta semmai dentro un sentire comune all’interno di realtà vive.

    Un altro mondo è possibile per “il Burla”
    Tra idealismi e cruda realtà esce il romanzo no global di Simona Laing

    Firenze, 17.02.2009 – Il G8, il movimento no global, le manifestazioni in piazza, la polizia, la stampa. C’è tutto questo nel romanzo di Simona Laing Burla, ciao. Una storia no-global (pp. 64, euro 7), in uscita a marzo per Mauro Pagliai Editore nella nuova serie «Libro verità». Ma prima ancora della politica e dei cortei ci sono loro, i giovani, gli studenti, e con essi i sogni, le aspirazioni, gli ideali di una generazione. Giulio ha 22 anni ed è un punto di riferimento per i compagni dell’università e per gli amici. È coraggioso, ha grinta, tende a farsi beffa di tutto e di tutti: per questo lo chiamano “il Burla”. In molti lo imitano e sono pronti a seguirlo, anche nei suoi slanci di rivolta contro le istituzioni e il potere costituito. Il suo idealismo è d’ispirazione per decine di coetanei che sognano di ribellarsi, di cambiare le cose, che credono che un altro mondo sia possibile. “È il nostro momento, nella storia sono sempre stati gli studenti che hanno dato inizio alle grandi rivoluzioni”, è quasi uno slogan che il Burla ama ripetere: “adesso sta a noi cambiare la storia di quest’Italia”. È un ribelle, il Burla, costantemente in lotta contro qualcuno: il preside della facoltà, i poliziotti che lo tengono d’occhio, i “fascisti” o, ancora peggio, gli “apatici”, quelli che non si schierano, non difendono i propri ideali. A Firenze, la sua città, sta per avvenire un fatto epocale: ci sarà il G8, il vertice dei potenti, il simbolo dell’ingiustizia, di tutto quello che nel mondo non va. L’atmosfera si fa sempre più pesante, le forze dell’ordine si mobilitano, si rievocano parole di triste memoria come “zona rossa”, quando il ricordo dei fatti di Genova è ancora vivo e la rabbia non si è placata. È proprio in memoria di quei giorni tragici che il Burla decide di scendere in piazza a manifestare e urlare il suo sdegno. Sono con lui gli amici storici, il collettivo dell’università, tanti fiorentini e ragazzi venuti da fuori città per marciare contro l’ingiustizia e l’oppressione: sarà un evento memorabile, di quelli che lasciano il segno. I giorni passano veloci prima di quel 15 giugno, in cui tutti i riflettori saranno puntati su Firenze. E quando la grande data arriva, le strade della città sono piene, le voci assordanti, ci sono i telegiornali in collegamento. C’è anche la polizia, e con lei le tristi immagini del passato, anche troppo vivide, come in un dejavù: gli elicotteri, le camionette, i manganelli, gli scudi. Quando la situazione precipita, il Burla è lì, a lottare per quello in cui crede, a difendere la libertà sua e degli altri, contro i poliziotti, contro il mondo, anche contro lo spettro del più tragico degli epiloghi.
    Simona Laing, già impegnata per l’Anci nei temi della sicurezza e della legalità in Toscana, lavora all’ospedale pediatrico Meyer, dove si occupa di cooperazione sanitaria internazionale. In questa sua opera prima, un piccolo affresco generazionale allo stesso tempo crudo e romantico, racconta un mondo dove giovani vite si intrecciano nei valori dell’impegno civile e della continua ricerca di cambiamento.

    Gherardo Del Lungo

    Topics: Editorial Collaboration, MUSIC | No Comments »

    Comments