Categories

Coming soon…

    No scheduled posts

    Archive

    Tag Cloud

    Meta

    Immagini, testi e contenuti audio/video su MusicalWords.it

    Il sito web www.musicalwords.it ("Sito"), e tutti i contenuti (testi, audio, video, immagini, prodotti e servizi, collettivamente nelle pagine relative) accessibili su od attraverso di esso, sono messi a disposizione degli utenti senza in alcun modo avallare gli usi che gli utenti stessi ne possano fare. I diritti riguardanti l'uso delle immagini di opere d'arte esposte in ogni pagina del Sito appartengono ai rispettivi proprietari. Chi scarica, usa o trasmette Contenuti reperiti su o attraverso il Sito non può ritenere in nessun modo assolte le competenze spettanti ai detentori dei rispettivi diritti di tali Contenuti. Il Sito web www.musicalwords.it può contenere o linkare a Contenuti creati o caricati da terze parti. I Contenuti di terze parti non rappresentano necessariamente le opinioni del responsabile del Sito nè della redazione generale direttiva né delle altre redazioni nè dei suoi collaboratori. Il responsabile del Sito non controlla, monitora, avalla o garantisce in alcun modo i Contenuti di terze parti. In nessun caso responsabile del Sito potrà essere ritenuto responsabile, direttamente o indirettamente, per danni o perdite causate o che si pensa possano essere state causate dall’uso o dal riferimento a Contenuti reperiti su o attraverso il nostro Sito. Il responsabile del Sito non si ritiene responsabile per attività dolose risultate dallo scaricamento o dall’utilizzo di Contenuti presenti sul proprio Sito web o accessibili attraverso di esso. I Contenuti presenti sul Sito www.musicalwords.it possono essere cambiati o rimossi senza notizia preventiva.


    « | Main | »

    Psiche e Musica… /4

    By Redazione Musica | aprile 10, 2010

    Acquisizione degli organi necessari

    In qual modo la specie vivente ha acquisito gli strumenti per l’utilizzo e per l’estrinsecazione delle sue qualità emozionali e razionali? Come ha “realizzato” gli organi fisiologici necessari a tali funzioni? La prima cellula “vivente” si è potuta definire così (e differenziare dalle molecole “non viventi”) perché fin dall’inizio era provvista delle capacità di “conservare” per un certo tempo la propria struttura (vita) e di “riprodursi”, utilizzando e inglobando molecole non viventi, allo scopo di realizzare cellule simili a se stessa che potessero continuare il processo vitale anche dopo la sua “destrutturazione”(morte). Ma tale cellula “sapeva” di vivere ? La scienza moderna più avanzata (come vedremo in seguito) ipotizza un piccolissimo “grado di coscienza” anche per tale cellula, correlandone il grado di coscienza ai “gradi di libertà” posseduti, che sono ben limiitati. Ad ogni modo, le interazioni di tale cellula vivente con l’ambiente cui apparteneva, erano già di carattere “emozionale”: stimoli di tipo acustico o elettromagnetico la colpivano, per avvertirla sul quando e sul come realizzare le sue funzioni, o per ucciderla. Ecco quindi che ogni forma di vita successivamente sempre più “organizzata” (cioè provvista di singoli e diversi organi funzionali) si è “scontrata” sempre con un ambiente esterno “emozionale”: per questo, milioni di anni fa, i primi animali viventi (oltretutto in possesso di “gradi di libertà” ben maggiori di quelli della singola cellula) si dotarono di strumenti e organi in grado di captare le emozioni (e nei loro cervelli comparvero le strutture ellissoidiche. quali talamo, ipotalamo, amigdala etc che abbiamo precedentemente visto), allo scopo di assicurarsi una sopravvivenza, un certo “stile di vita”, la possibilità di riprodursi e di aggregarsi in famiglie (riconoscersi), prima di morire. Si può dire che la funzione ha creato l’organo, cioè le necessità funzionali legate al loro tipo di vita hanno realizzato gli organi capaci di conservarla: senza la captazione delle “emozioni” provenienti dall’ambiente circostante (e lo sviluppo dei relativi organi), non ci sarebbe stata difesa né conservazione della propria specie, e neppure sarebbero comparse le prime specie viventi organizzate. Naturalmente, se la prima cellula era in possesso di un “grado di coscienza” elementare, ben maggiore esso doveva essere nelle specie viventi, via via che aumentava la complessità delle situazioni da risolvere e via via che aumentavano i “gradi di libertà” connessi con l’incremento della “vita di relazione”. Quindi, l’aumento del grado di coscienza è elemento essenziale che affianca le capacità di captazione e di “metabolizzazione” delle emozioni nell’essere vivente. Ma quando compare la razionalità, e perché? La risposta più probabile è che il meccanismo di “formazione di organi” originato dalle emozioni sia continuato ancora, e abbia provocato la comparsa della corteccia cerebrale: Infatti, le emozioni, percepite come tali da un essere vivente, in realtà sono causate da stimoli e segnali che contengono delle informazioni provenienti dall’universo che li ha generati, e che consistono in strutture ondulatorie (onde elastiche ed elettromagnetiche) e in funzioni matematico-fisiche a loro associate, che oggi, con la nostra mente, consideriamo perfettamente comprensibili e descrivibili con modelli razionali. Ebbene, noi riteniamo che ancora una volta la funzione ha creato l’organo! Per recepire fino in fondo la parte strutturante matematico-fisica delle emozioni, sono nate le strutture cerebrali della corteccia e in seguito della neocorteccia, costruite nell’unico modo possibile per determinarne la acquisizione e quindi la comprensione.

    Fabio Uccelli

    Topics: ART, Aesthetic of Music, MUSIC, Music and Brain, News e Curiosità, Psiche e Musica - Speciale curato da Fabio Uccelli, Psychology of Music | 1 Comment »

    One Response to “Psiche e Musica… /4”

    1. Psiche e Musica… /4 | Musical Words – Blog di Musica * Arte * Lettere | Musica y tecnologia Says:
      aprile 10th, 2010 at 00:21

      [...] from: Psiche e Musica… /4 | Musical Words – Blog di Musica * Arte * Lettere Bookmark It Hide Sites $$('div.d6666').each( function(e) { [...]

    Comments