Categories

Coming soon…

    No scheduled posts

    Archive

    Tag Cloud

    Meta

    Immagini, testi e contenuti audio/video su MusicalWords.it

    Il sito web www.musicalwords.it ("Sito"), e tutti i contenuti (testi, audio, video, immagini, prodotti e servizi, collettivamente nelle pagine relative) accessibili su od attraverso di esso, sono messi a disposizione degli utenti senza in alcun modo avallare gli usi che gli utenti stessi ne possano fare. I diritti riguardanti l'uso delle immagini di opere d'arte esposte in ogni pagina del Sito appartengono ai rispettivi proprietari. Chi scarica, usa o trasmette Contenuti reperiti su o attraverso il Sito non può ritenere in nessun modo assolte le competenze spettanti ai detentori dei rispettivi diritti di tali Contenuti. Il Sito web www.musicalwords.it può contenere o linkare a Contenuti creati o caricati da terze parti. I Contenuti di terze parti non rappresentano necessariamente le opinioni del responsabile del Sito nè della redazione generale direttiva né delle altre redazioni nè dei suoi collaboratori. Il responsabile del Sito non controlla, monitora, avalla o garantisce in alcun modo i Contenuti di terze parti. In nessun caso responsabile del Sito potrà essere ritenuto responsabile, direttamente o indirettamente, per danni o perdite causate o che si pensa possano essere state causate dall’uso o dal riferimento a Contenuti reperiti su o attraverso il nostro Sito. Il responsabile del Sito non si ritiene responsabile per attività dolose risultate dallo scaricamento o dall’utilizzo di Contenuti presenti sul proprio Sito web o accessibili attraverso di esso. I Contenuti presenti sul Sito www.musicalwords.it possono essere cambiati o rimossi senza notizia preventiva.

    Archive for novembre, 2010

    Ernst Bloch… il Divenire in Musica / 6

    martedì, novembre 30th, 2010

    che emerge dalle linee melodiche delle cantate di Bach, che la morte “non è l’ultima parola, [poiché] vi è una realtà che le è extraterritoriale, cioè il Non ancora divenuto che non può trapassare come il divenuto”[ii]. Pertanto, se “il mondo è un’eccezionale esperimento di se stesso, un esperimento che non è né riuscito né fallito” [iii], spetta all’uomo muovere il timone tra la “costante bara” del nulla e la speranza di un tutto compiuto: “Questo mutamento di direzione – sostiene Cunico – può essere operato unicamente dal fattore soggettivo, dall’immanente ‘motore’ sospingente nella fatticità sia della storia umana sia del mondo preumano ed extraumano”[iv]. E la “contromossa” soggettiva nei confronti del possibile baratro dell’annientamento totale – di cui lo studioso parla interpretando il pensiero blochiano – può contrastare la “forza nullificante” della non-utopia solo attraverso “l’ardimento della speranza militante”[v] che – nell’esperimento processuale in cui la storia si identifica – attinge paradossalmente il proprio incrollabile ottimismo da “una intuizione oscura, rischiosa, mai garantita, ai limiti dell’inconscio”[vi].

    Facciamo notare allora che se la speranza “non viene intesa soltanto come affetto, come contrapposizione alla paura [...], ma più essenzialmente come atto orientativo di specie cognitiva”(PS, 15-16) essa allora non è solo un sogno vuoto ma un atto cognitivo che invita all’azione[vii], e se “solo chi agisce comprende, e precisamente solo in quanto vuole agire”[viii], allora un linguaggio universalmente ed immediatamente comunicativo non può che favorire la realizzazione di un mondo nuovo. Non è difficile appoggiarsi a queste affermazioni per evincere il grado supremo di Kunstwollen che la musica rivela proprio a partire dal suo livello di Vorschein: in un circolo ormai evidente la musica si attesta come arte suprema della costruzione filosofica blochiana non solo perché essa è la crisalide de

    Analitica… Nuovo Numero!

    domenica, novembre 28th, 2010

    ANALITICA
    Rivista online di Studi Musicali
    Edita dal G.A.T.M. in collaborazione con Dipartimento Beni culturali, musica e spettacolo (BEMUS) dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata

    Indice del nuovo numero della rivista (Numero 4 – 2007)
    Egidio Pozzi, Editoriale
    Luigi Verdi, Caleidocicli musicali: tecniche compositive e analitiche
    Marco Francesco Lutzu, Ambiguità metrico-ritmica nei balli della Sardegna centro-settentrionale: un’analisi
    Abstracts delle relazioni presentate al [...]

    Benedek Istvánffy e la sua storia…

    domenica, novembre 21st, 2010

    La storia della musica, come tutte le storie, conserva sempre intatto un certo fascino nella sua perpetua incompiutezza. Ogni erudito ha un rapporto d’amore con la propria disciplina, la considera come una figura ben nota, come una compagna per la vita, da ammirare, compiacere, criticare, alla quale rimanere legato; e affinché questo legame sia duraturo, occorre rinnovare il rapporto d’amore al fine di non perdere quella forza propulsiva che è propria della passione e del sentimento. La storia, essendo una selezione per necessità, traccia la sua linea narrativa sempre in maniera parziale, lasciando dietro sé quelle ‘falle’ che le conferiscono quel sapore avvincente, misterioso, incompleto: per questa ragione i suoi eventi vanno continuamente rivisti, criticati e aggiornati alla luce di nuovi studi, di nuove idee, di una nuova coscienza e percezione del mondo. La storia a sua volta è composta da innumerevoli storie, anche esse parziali, i cui frammenti possono spiegarci e raccontarci molte cose sugli avvenimenti, le evoluzioni e le trasformazioni di un dato avvenimento.

    Ad Parnassum 14

    giovedì, novembre 18th, 2010

    ttempt to merge them together, and present its readers with a global and critical viewpoint focusing on well-defined topics. The October 2007 issue, for example, was derived from a single session of the Birmingham conference (Sixth Biennial Conference: Music in Nineteenth-Century Britain, University of Birmingham, 5-8 July, 2007) devoted to Muzio Clementi. Within the vast landscape of musicological discussion, this editorial policy – whose importance has already been stressed in previous issues – has been stimulated by the birth and death anniversaries of a range of significant composers.

    Since

    Ernst Bloch… il Divenire in Musica / 5

    martedì, novembre 16th, 2010

    evince dalle pagine di questo lavoro, Bloch distingue due tipi di fantasia: il primo riguarda un tipo di associazione immaginifica che permette a piacere (beliebige) di predicare degli oggetti qualità che nella realtà non troverebbero mai riscontro (Montagna d’oro [ goldener Berg ], mare di pietra [ steinernes Meer ] etc.). Il secondo tipo di fantasia (più complesso e direttamente inerente ai processi dell’arte) riesce a “continuare” (fortsetzen) le possibilità intrinseche all’essere attuale dell’essere non-ancora divenuto. In un contesto che supera i rigidi steccati della separazione tra soggetto e oggetto, Wiegmann definisce la fantasia come exachte o koncreten Phantasie, come potere fisico dell’anticipazione(Psychische antizipationsmacht). La fantasia oggettiva diviene quindi uno strumento indispensabile del filosofa

    Chopin and Liszt… International Conference

    domenica, novembre 14th, 2010

    The Symposium aims to investigate different facets of the life and works of the two composers, in the context of the Parisian scene during the nineteenth century. The Conference will focus on the following areas, although other topics are welcome:

    SIdM… Novità!

    sabato, novembre 13th, 2010

    SIdM
    segnalazioni attività dei soci

    Sul sito della società è liberamente consultabile la pagina dei links, completamente rinnovata: le sezioni sono state riorganizzate e sono state segnalate molte nuove risorse. Con più di 700 links la SIdM intende offrire un importante strumento di informazione e ricerca a tutti coloro che si occupano di musica e [...]

    Psiche e Musica… / 12

    lunedì, novembre 8th, 2010

    realizza in tutte le rappresentazioni disposizionali la “totalità indivisibile” della logica puramente simmetrica. La legge di simmetria matteblanchiana coincide con grande evidenza con la legge di “non località” spazio-temporale: tutte le particelle in stato correlato non vivono realtà divise, ma formano, come negli stati psicotici che seguono la generalizzazione, delle “totalità indivisibili” in cui tutto e parte coincidono; lo stato correlato, come lo stato psicotico che segue la legge di simmetria, si manifesta improvvisamente senza alcuna causa né spaziale né temporale, in esso non si trovano elementi che diano luogo a situazioni in cui l’uno sia maggiore dell’altro, l’uno sia vero e l’altro falso, l’uno derivi dall’altro.

    La Neurofisiologia Psicoanalitica

    Ora, noi pensiamo che la psicanalisi di Matte Bianco possa gettare luce anche sui meccanismi neurofisiologici: ma sarebbe opportuno modificare l’attitudine degli psicanalisti a isolarsi dai neurofisiologi, e occorrerebbe creare una “neurofisiologia psicanalitica”, ove si potessero estendere e applicare all’esame della psiche i risultati delle metodologie di analisi cerebrale introdotte per mezzo delle moderne macchine (ad es., elettroencefalografo collegato con macchina a risonanza magnetica nucleare – EEG+NMR). Oggi, le attuali ricerche di neuro-imaging combinano tra loro più metodi di indagine sui processi mentali al fine di costruire una neuroanatomia funzionale valida anche per gli esami psichici. Al termine di questa “messa a punto” della metodologia, è ipotizzabile la possibilità di utilizzo di questi metodi combinati di indagine durante le stesse sedute psicanalitiche. I

    ‘Il Romanticismo: Musica, Arte e Letteratura’

    mercoledì, novembre 3rd, 2010

    REDAZIONE ARTE

    - Il Romanticismo nelle Arti
    - I Grandi pittori Romantici
    - Tecniche Scultoree, pittoriche e artistiche più in voga nel Romanticimo
    - Correnti di pensiero nelle arti del Romanticismo
    - Altro…

    REDAZIONE LETTERE

    - Il Romanticismo nella Letteraratura
    - I grandi pensatori Romantici
    - I grandi scrittori Romantici
    - Gli Antichi e il Romanticismo
    - La filosofia del Romanticismo
    - Storia del Romanticismo
    - Le realtà locali e i moti Romantici
    - Il Romanticismo Italiano
    - Il Classicismo e il Romanticismo
    - Altro…

    **********************************

    I contributi possono essere di natura differente (video, audio, articoli scritti) e corredati da materiale multimediale (già presente) in internet.

    Le lingue ufficiali sono italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo.

    Termine ultimo per l’invio dei contributi:
    31 luglio 2011