Categories

Coming soon…

    No scheduled posts

    Archive

    Tag Cloud

    Meta

    Immagini, testi e contenuti audio/video su MusicalWords.it

    Il sito web www.musicalwords.it ("Sito"), e tutti i contenuti (testi, audio, video, immagini, prodotti e servizi, collettivamente nelle pagine relative) accessibili su od attraverso di esso, sono messi a disposizione degli utenti senza in alcun modo avallare gli usi che gli utenti stessi ne possano fare. I diritti riguardanti l'uso delle immagini di opere d'arte esposte in ogni pagina del Sito appartengono ai rispettivi proprietari. Chi scarica, usa o trasmette Contenuti reperiti su o attraverso il Sito non può ritenere in nessun modo assolte le competenze spettanti ai detentori dei rispettivi diritti di tali Contenuti. Il Sito web www.musicalwords.it può contenere o linkare a Contenuti creati o caricati da terze parti. I Contenuti di terze parti non rappresentano necessariamente le opinioni del responsabile del Sito nè della redazione generale direttiva né delle altre redazioni nè dei suoi collaboratori. Il responsabile del Sito non controlla, monitora, avalla o garantisce in alcun modo i Contenuti di terze parti. In nessun caso responsabile del Sito potrà essere ritenuto responsabile, direttamente o indirettamente, per danni o perdite causate o che si pensa possano essere state causate dall’uso o dal riferimento a Contenuti reperiti su o attraverso il nostro Sito. Il responsabile del Sito non si ritiene responsabile per attività dolose risultate dallo scaricamento o dall’utilizzo di Contenuti presenti sul proprio Sito web o accessibili attraverso di esso. I Contenuti presenti sul Sito www.musicalwords.it possono essere cambiati o rimossi senza notizia preventiva.

    Archive for febbraio, 2011

    Ernst Bloch… il Divenire in Musica / 11

    lunedì, febbraio 28th, 2011

    Ora il discorso di Bloch riprende a modo proprio anche la generale polemica del contenuto di verità delle scienze dello spirito contro la presunzione dogmatica e positivistica delle scienze della natura che giungono a ridurre l’essere stesso della scienza ad un suo discorrere su di essa. Per la vita dell’uomo tutto questo appare di fondamentale importanza se si comprende soprattutto che “il legame sociale di classe e la validità oggettiva della conoscenza teoretica non sono in contraddizione e non si escludono reciprocamente ma si implicano necessariamente e sono indissolubilmente connessi”[1]. Ogni tipo di fondazione teoretica del sapere ha infatti come inevitabile correlato oggettivo un determinato esercizio pratico del potere e dell’agire politico, ed un estensione della verità scientifica alla sfera dello spirito conduce ad una generale reificazione dell’uomo e di tutte le sue manfestazioni.

    Non a caso, criticando proprio questo pericolo e nello scopo di fornire un adeguato ruolo alla soggettività, nell’Intenzione dello Spirito dell’utopia Bloch lamenta palesemente la mancanza nell’uomo di uno sguardo onnicomprensivo[2], di una coscienza universale che abbia il potere di unificare tutti gli aspetti della realtà che ci circondano. Bloch appare però convinto che nel suo libro emerga

    Aperitivi in Musica ‘11 alla Spezia…

    martedì, febbraio 22nd, 2011

    Aperitivi in Musica ‘11 alla Spezia musicalwords sdc la spezia

    Call for Papers ‘Il Romanticismo: Musica, Arte e Letteratura’!

    domenica, febbraio 20th, 2011

    Call for Papers ‘Il Romanticismo: Musica, Arte e Letteratura’! musicalwords

    Ernst Bloch… il Divenire in Musica / 10

    martedì, febbraio 15th, 2011

    Capitolo II: il pensiero blochiano dalle influenze culturali all’ontologia del non-ancora.

    “L’origine è la meta”.

    Karl Kraus, Worte in Versen, I

    Ernst Bloch è il filosofo che più di ogni altro ha fatto del concetto di utopia l’oggetto fondamentale della propria filosofia: oltretutto egli si colloca nel nostro secolo come una delle varianti fondamentali del marxismo. Fortemente influenzato dall’espressionismo negli anni della giovinezza, il suo incontro con la riflessione marxista fu favorito soprattutto dalla rivoluzione bolscevica. Infatti, la critica di Marx ed Engels all’eccessiva soggettività delle utopie socialiste dell’’800 era stata messa in crisi soprattutto dalla Rivoluzione d’Ottobre, in quanto essa si era realizzata in un contesto che, a causa della sua arretratezza, non avrebbe dovuto offrire le condizioni oggettive del processo rivoluzionario[1]. Questo

    Angelo Tonelli… e le parole dei sapienti!

    martedì, febbraio 8th, 2011

    angelo tonelli, parole dei sapienti, feltrinelli