Categories

Coming soon…

    No scheduled posts

    Archive

    Tag Cloud

    Meta

    Immagini, testi e contenuti audio/video su MusicalWords.it

    Il sito web www.musicalwords.it ("Sito"), e tutti i contenuti (testi, audio, video, immagini, prodotti e servizi, collettivamente nelle pagine relative) accessibili su od attraverso di esso, sono messi a disposizione degli utenti senza in alcun modo avallare gli usi che gli utenti stessi ne possano fare. I diritti riguardanti l'uso delle immagini di opere d'arte esposte in ogni pagina del Sito appartengono ai rispettivi proprietari. Chi scarica, usa o trasmette Contenuti reperiti su o attraverso il Sito non può ritenere in nessun modo assolte le competenze spettanti ai detentori dei rispettivi diritti di tali Contenuti. Il Sito web www.musicalwords.it può contenere o linkare a Contenuti creati o caricati da terze parti. I Contenuti di terze parti non rappresentano necessariamente le opinioni del responsabile del Sito nè della redazione generale direttiva né delle altre redazioni nè dei suoi collaboratori. Il responsabile del Sito non controlla, monitora, avalla o garantisce in alcun modo i Contenuti di terze parti. In nessun caso responsabile del Sito potrà essere ritenuto responsabile, direttamente o indirettamente, per danni o perdite causate o che si pensa possano essere state causate dall’uso o dal riferimento a Contenuti reperiti su o attraverso il nostro Sito. Il responsabile del Sito non si ritiene responsabile per attività dolose risultate dallo scaricamento o dall’utilizzo di Contenuti presenti sul proprio Sito web o accessibili attraverso di esso. I Contenuti presenti sul Sito www.musicalwords.it possono essere cambiati o rimossi senza notizia preventiva.

    Contemporary

    « Previous Entries

    Il Pianoforte negli Stati Uniti /2

    domenica, marzo 1st, 2009

    (…continua)
    3. La tecnica estesa nell’opera pianistica di George Crumb.
    Il compositore che ha portato la tecnica estesa sul pianoforte ai più alti vertici virtuosistici ed espressivi è forse l’americano George Crumb (1929). Personalità ancora poco conosciuta in Italia, Crumb si è invece ricavato un posto d’onore negli Stati Uniti e in molti Paesi europei, dove [...]

    Il Pianoforte negli Stati Uniti /1

    sabato, febbraio 28th, 2009

    Il pianoforte negli Stati Uniti:
    la tecnica estesa da Henry Cowell a George Crumb *

    1. Non solo tasti. Lo “string piano” di Henry Cowell.
    Quando, nel 1916, il compositore australiano Percy Grainger scrisse la suite “In a Nutshell”, richiedendo l’esecuzione direttamente sulle corde del pianoforte attraverso l’azione di una bacchetta, il pianismo si stava ormai da tempo [...]

    Luigi Dallapiccola: An Mathilde, Simbolo e Testo… /2 (4/4)

    domenica, febbraio 15th, 2009

    (…continua)
    II.
    “An Mathilde” è un’opera complessa e di difficile lettura, relativamente alla sua statura compositiva e al ruolo che essa ricopre nell’intera produzione dell’autore (23). I cambiamenti operati in questi anni nei confronti della propria scrittura musicale rivelano un nuovo uso del linguaggio dodecafonico, segno decisivo di un mutamento strutturale nella poetica dallapiccoliana. L’attenzione al testo [...]

    Luigi Dallapiccola: An Mathilde, Simbolo e Testo… /1 (4/4)

    sabato, febbraio 14th, 2009

    Concludiamo oggi il lungo e prestigioso Speciale deidcato a Luigi Dallapiccola. Per quanti volessero rileggere tutti i contributi, clicchino Qui! [Music --> Great Composers --> Research Monograph --> Luigi Dallapiccola ]
    Ringraziamo Roberto Illiano e Luca Sala
    *************
    SIMBOLO E TESTO IN “AN MATHILDE” DI LUIGI DALLAPICCOLA *

    I.
    «Che aere basso in un lavoro d’oggi. Che senso dimesso di [...]

    An Mathilde: un’opera di Cerniera… /2 (3/4)

    mercoledì, gennaio 28th, 2009

    (…continua) 2. La Musica
    Lo schema della serie utilizzata in questa cantata appare nel manoscritto LD. Mus. 63 (33) ; esso consta di due carte: nel verso della prima è riportata la serie nella forma originale con tutte le trasposizioni secondo un ordine cromatico crescente, mentre nel recto della seconda carta è riportata l’inversione dell’originale con [...]

    An Mathilde: un’opera di Cerniera… /1 (3/4)

    martedì, gennaio 27th, 2009

    AN MATHILDE: UN’OPERA DI CERNIERA *
    Se i “Canti di liberazione” sono stati considerati sin dalla prima esecuzione come l’opera principale di Luigi Dallapiccola degli anni Cinquanta (1), ad “An Mathilde, eine Kantate für Frauenstimme und Orchester” su testi (2) di Heinrich Heine vengono attribuiti sino ad oggi un interesse e un’attenzione mediocri. Tuttavia, in [...]

    R. V. Williams… I Symphony /2 (3/12)

    mercoledì, gennaio 21st, 2009

    (…continua)
    III.
    Ci troviamo di fronte a un’opera che è descrittiva e allegorica al tempo stesso: “la sinfonia racconta il vento, le onde, il sale sulle labbra, soltanto a livello superficiale, letterario; sotto il velame abbiamo un’analogia tra il viaggiatore sulle acque del mare e il viaggio del pellegrino sul mare dell’ignoto”5.
    Il primo movimento è assolutamente trionfante: [...]

    Luigi Dallapiccola…Variazioni per Orch. /4 (2/4)

    sabato, dicembre 20th, 2008

    (…Continua) Anche in un’edizione italiana del trattato di Berlioz (40), curata da Ettore Panizza nel 1912, il nome di Debussy non è presente. Ci sono esempi verdiani, una decina di passi tratti da Salome di Strauss e ben 17 di Puccini. Ma Dallapiccola è sorpreso nel vedere che Puccini è seguito a ruota da Alberto [...]

    Luigi Dallapiccola…Variazioni per Orch. /3 (2/4)

    venerdì, dicembre 19th, 2008

    (…Conitnua) (Diverso è il risultato ottenuto da Richard Strauss 27), «né ciò può meravigliare dato che, sia o non sia di nostro gusto, rimane una delle figure imprescindibili del nostro secolo» (28). Strauss cerca di integrare il Traité delle necessarie aggiunte tecniche sugli strumenti, ponendo l’accento sulle novità nel campo dell’orchestrazione — e si riferisce [...]

    Luigi Dallapiccola…Variazioni per Orch. /2 (2/4)

    giovedì, dicembre 18th, 2008

    (…continua) In effetti, se si osservano le Variazioni, quello che colpisce è l’assoluta semplicità della trascrizione orchestrale del Quaderno musicale di Annalibera, trascrizione che predilige sempre piccoli gruppi di strumenti. Si può così osservare come la prima sezione del numero III delle Variazioni (Es. 1) abbia il Dux esposto prima dai flauti a due (miss. [...]

    « Previous Entries